Cosa è necessario fare prima della dichiarazione di successione

Prima di procedere alla compilazione e presentazione della dichiarazione di successione è sempre opportuno procedere ad alcune verifiche e seguire alcune formalità:

Per prima cosa bisogna verificare se il defunto ha lasciato un TESTAMENTO , questo puo’ essere Pubblico, in questo caso ci si deve rivolgere al Notaio che lo ha ricevuto per provvedere alla sua pubblicazione, oppure puo’ essere Olografo, cioè scritto di pugno dal defunto, anche in questa ipotesi bisogna chiedere la sua pubblicazione presso un Notaio.

Nel caso in cui alcuni eredi intendano rinunciare all’eredità si deve provvedere ad eseguire questo atto presso un Notaio o presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del Tribunale di competenza; copia autentica della RINUNCIA dovrà infatti essere allegata alla Dichiarazione di Successione.

E’ necessario verificare se tra gli eredi ci sono dei MINORENNI, nel qual caso si deve richiedere al Giudice Tutelare l’autorizzazione ad accettare l’eredità con beneficio d’inventario, rendere la dichiarazione di accettazione beneficiata, eventualmente redigere l’inventario, procurarsi un certificato di stato famiglia ed un estratto dell’atto di nascita del minore.

Verificare se il defunto, prima della morte, abbia fatto degli atti di DONAZIONI AGLI EREDI, in caso di esito positivo recuperare una copia degli stessi.

Ai fini della redazione della Dichiarazione di successione sono necessari una serie di DOCUMENTI :

copia dei documenti d'identità e dei codici fiscali del defunto e di tutti gli eredi ;

certificato di morte in carta semplice

estratto per riassunto per riassunto dell’atto di matrimonio o certificato di stato libero o di vedovanza del defunto

copia degli atti di provenienza degli immobili ( quali compravendite, donazioni, divisioni , dichiarazioni di successione …)

Copia delle visure catastali e altra documentazione catastale

E’importante ricordare che se un erede possiede alcuni requisiti previsti dalla legge , puo’ usufruire in sede di dichiarazione di successione, delle AGEVOLAZIONI PRIMA CASA ed in particolare :

residenza nel Comune in cui è situato l'Immobile, o si impegni a trasferirla entro 18 mesi

non detenga altre abitazioni nell'ambito dello stesso Comune

non abbia, in precedenza, già sfruttato l'Agevolazione Prima Casa

può accedere al beneficio della riduzione delle Imposte Ipotecaria e Catastale, le quali non sconteranno più le aliquote, rispettivamente, del 2 e dell'1%, bensì verranno applicate in misura fissa: € 200,00 (Ipotecaria) + € 200,00 (Catastale) .

E’ importante però ricordare che se l’erede si avvale della suddetta agevolazione e trasferisce per atto a titolo oneroso o gratuito l’immobile oggetto di agevolazione prima del decorso del termine di 5 anni dalla data di apertura della successione, dovrà corrispondere le imposte ipotecaria e catastale nella misura ordinaria, nonchè una soprattassa pari al 30% delle imposte stesse .

BENI MOBILI :

farsi rilasciare dalla Banca la dichiarazione della consistenza patrimoniale del de cuius alla data della morte , ( estremi conti correnti, titoli …….) , ogni Banca chiederà i documenti di cui ha bisogno per svincolare le somme.

Se ci dovessero essere delle Cassette di Sicurezza è necessario procedere all'apertura delle stesse, al fine di redigere l'inventario del contenuto e determinarne il valore

AUTOVEICOLI :

Non devono essere riportati nella dichiarazione di successione, è necessario pertanto rivolgersi ad una agenzia automobilistica per fare il passaggio di proprietà del mezzo a favore dei nuovi eredi presso il PRA.

IMPRESE INDIVIDUALI, QUOTE DI SNC O SAS:

Portare: visura camerale e se tra i Libri Contabili è presente l'Inventario, copia autentica di esso, oltre all'indicazione delle variazioni avvenute fino alla data della morte , se invece non esiste alcun Inventario, prospetto dei beni, delle attività e delle passività facenti capo all'azienda, riportando separatamente il valore degli Immobili aziendali . Inoltre è necessario procurare: estratto notarile delle scritture contabili obbligatorie, dal quale risultino le passività , estratto catastale degli Immobili aziendali , valore dell'azienda (al netto dell'avviamento)

PER QUOTE DI SRL

Recuperare : visura camerale atto costitutivo e statuto copia autentica del Bilancio e dei relativi allegati

situazione patrimoniale aggiornata alla data della morte valutazione dell'azienda e, conseguentemente, il valore della quota (al netto dell'avviamento) certificato catastale per uso successione degli Immobili aziendali

PER CREDITI

Portare: documentazione attestante il credito con gli estremi del debitore

La legge riconosce agli eredi la possibilità di detrarre dall'Imposta di Successione alcune passività, purchè siano documentate. E' necessario, pertanto, avere i seguenti documenti in originale: debiti del defunto verso aziende, verso Banche (Mutui, ...), debiti da cambiali, debiti verso i lavoratori subordinati, verso lo Stato, spese mediche e chirurgiche relative al defunto negli ultimi 6 mesi di vita e spese funerarie.

DZ SRL

Sacile (PN) - Via dei Cipressi 2
Telefono: 0434-786192
Cellulare: 340 5592684
Email: info@dzsrl.eu
Fax: 0434-786192

P.Iva/C.F.: 01815820939

Privacy
Informativa Cookie

Copyright © 2020

Credits: website by SitoAgenzia.it